350 milioni di capi chini

5 Gen

Premessa: non ho nulla contro il concetto di “prodotto di largo consumo”, di cui ne faccio felicemente uso in tanti momenti della mia vita. Ho però molte cose su cui storco il naso quando la cultura, che non dovrebbe stare mai necessariamente nei musei ci mancherebbe, si fa di produzione in larga scala. Ancora di più quando diventa: fenomeno.Pregiudiziali: è un libro per ragazzi, è scritto per i ragazzi, piace soprattutto ai ragazzi e anche a qualche adulto, i film fanno pietà, il fantasy non mi è mai piaciuto particolarmente.

Credo che un libro come Harry Potter possa avvicinare alla lettura. Possa, almeno tanto quanto può renderti sterile o semplicemente schifarti. Forse, non lo so, nessuno lo sa bene. Però sono tendenzialmente pssimista e sufficientemente smaliziato per pensare che Harry Potter sia nella stragrande maggioranza dei casi un’avventura all’interno del mondo della lettura. Un divertissement, se solo fossi capace di pronunciarlo.
Però -mi son detto- qualcosa lo avrà di particolare per attirare 350 milioni di compratori non necessariamente unici e far arricchire una anonima signora inglese col doppio nome. Armato di buona volontà ho deciso di spendere un po’ di tempo in libreria ed inziare la lettura del primo capitolo della saga: Harry Potter e la pietra filosofale.

Mi avvicino alla lettura consapevole che il libro ha avuto successo grazie alla pubblicazione gratuita di alcuni capitoli. Allegati alle scatoline di Smarties.
Il fatto è che inizio a leggere questo benedetto libro e scopro che, nonostante tutta la mia buona volontà di mettere da parte i pregiudizi, non ce la faccio a resistere, dopo una ventina di pagine lo mollo nuovamente sullo scaffale. Harry Potter non lo capisco, non è fascinoso come credevo e come sentivo dipinto, è un libretto scritto con perizia ma freddamente. E i miracolati destinati e salvare le chiappe a tutti quanti dopo aver perso i genitori, francamente, mi stanno antipaticissimi. Mandateli in cura non a studiare la magia.

Rimango convinto che “il maghetto” sia un bluff esagerato, destinato a sgonfiarsi e rigonfiarsi ad ogni uscita di volume o film e che finirà nel dimenticatoio quando se ne smetterà di parlare. È intrattenimento, probabilmente riuscito e fatto co ncura, ma fin troppo leggero. Non avevo la pretesa di trovarmi davanti un capolavoro, anzi mi aspettavo un libro ben più brutto di quello che invece è mollato a metà, ma che purtroppo\per fortuna (per me) è senza nerbo.

E comunque Harry Potter nella sua saga non è altro che il brodo allungato de: Il Mago di Earthsea (noto anche come il Mago) di Ursula K. Le Guin, libro del 1968 (tutta la saga merita). Sempre per ragazzi, ma più crudo e viscerale di Harry che, nel confronto, ne esce come quello pettinato. Lo presto a chi lo vuole.

Annunci

4 Risposte to “350 milioni di capi chini”

  1. LOAL sabato 5 gennaio a 7:52 pm #

    EDVIGE, MALOCCHIO MOODY, DOBBY, FRED WEASLEY, LUPIN e TONKS, CODALISCIA, BELLATRIX, E PITON MUOIONO

    PITON RESTA FEDELE A SILENTE E AIUTA HARRY DI NASCOSTO
    ERA INNAMORATO DI LILY POTTER

    HARRY È L’ULTIMO HORCRUX, VOLDEMORT LO UCCIDE MA POI RESUSCITA

    VOLDEMORT MUORE NEL DUELLO FINALE A HOGWARTS CONTRO HARRY PERCHÈ IL SUO INCANTESIMO GLI RIMBALZA ADDOSSO

    I DONI DELLA MORTE SONO:
    la bacchetta di silente
    il mantello dell’invisibilità
    la pietra incastonata nell’anello di gaunt

    HARRY SPOSA GINNY (3 figli)

    RON SPOSA HERMIONE (2 figli)

  2. bebo sabato 5 gennaio a 8:05 pm #

    PORCODDUE ORA SI CHE MI BAGNO LE MUTANDE!!

    Ma chissenefrega dai, chissenefrega, devi leggere prima di spammare e dire stronzate, perchè poi oltre alla figura del maleducato che sporca nei commenti altrui ci fai pue la figura del cretino che non legge.

  3. Lenz domenica 6 gennaio a 2:38 pm #

    Anche se mi avesse raccontato come finisce il libro non mi ha fatto molto danno… credevo di essere finito in un blog in aramaico antico scontato al 2008… ergo non ci ho capito una fava. Insomma:

    STRONZATE, STRONZATE, STRONZATE, STRONZATE, STRONZATE, STRONZATE

    Anyway, So Happy!

  4. scontato lunedì 7 gennaio a 12:46 pm #

    Io lo sapevo già l’anno scorso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: