English boy

19 Apr

Il singolo di Estelle con Kanye West (parliamo della sua pelliccia?) è bellissimo. Non ho molte cose nuove da ascoltare\recensire e mi lascio andare verso i passaggi radiofonici di Linus, gli scopiazzamenti di Timbaland (che peraltro come cachet di produttore prende 500mila Euro per 5 canzoni, niente male) e un box della Soul Jazz. Un altro box della label di Broadwick Street da mettere nello scaffale.

An England Story (From Dancehall To Grime: 25 Years Of The MC In The UK 1983-2008) oltre ad avere un titolo lunghissimo ma contropallato, già si spiega per cos’è. Si ripercorrono le tracce degli mc d’oltremanica, attraversando le etnie che popolano la musica black prodotta in Inghilterra, perciò non solo MC rap ma anche i primi numeri jungle, i ragga, finendo con il grime\garage che vede coinvolti una moltitudine di ragazzi bianchi. Tantissima roba sul fuoco, forse troppa, non saprei, però ci si trova sempre orientati a modo, ci sono anche delle canzoni raggae belle. E tutto avrei pensato tranne che esistessero canzoni del genere (ad ognuno le proprie idiosincrasie). Tra i nomi eccellenti registriamo alla voce: Freestylers, Skibadee, Roots Manuva, la Estelle di Kanye, Stush e General Levy (fenomeno).

E come la jungle col synth-bass spernacchiato non ce ne è.

Estelle & Joni Rewind – Uptown Top Rankin’
Skibadee – Tika Toc

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: