M29: Berlin to Berlin

29 Giu

Una città bellissima. Troppe cose da vedere in così poco tempo, troppe cose da fare in così poche serate. Dal Ku’Damm passando per Potsdam e finendo dentro a Oranienstrasse lungo tutta Kreuzberg, dal passato remoto distrutto e ricostruito fino alla rinascita post-muro, la storia travagliata di due città in una e un’efficienza, una gentilezza e un mangiar bene inaspettato.

berlin mauerBerlino è una città inaspettata, da un angolo vedi la sede di qualche azienda dentro ad un grattacielo di Renzo Piano e sotto ai tuoi piedi pesti il tracciato segnato dal muro, senza sentirti in nessun modo in peccato con la storia, anzi, vivendo appieno ciò che rappresenta Berlino dal dopoguerra ad ora, passando per la svolta della riunificazione. Se c’è qualcuno che ha imparato a rimboccarsi le maniche è il berlinese, e con lui chiunque arrivi in città. Potsdamer Platz era attraversata da quella colata di cemento comunemente conosicuta come muro, è stata il simbolo assieme al Checkpoint Charlie della stupidità e dell’ingiustizia formalmente riconosciute, ora è una stazione di vetro, grattacieli dalle forme strane, l’hq europeo di Sony, il cinema in 3d. Del muro c’è qualche pezzo, molte scritte post-1989, moltissime gomme masticate appiccicate, un finto militare che vende finti passaporti russi. Berlino rimboccandosi le maniche, con una voglia di ripartire covata per 40 anni si è dimenticata di ricordare. Quando se lo ricorda costa 12,50€.
Però non puoi dargli troppo torto nell’aver rinnovato tutto, specie se la pinacoteca federale ha questo aspetto, gli uffici dei ministri stanno dentro a palazzi come questo e nessuna auto blu era parcheggiata nei dintorni.

kreuzbergKreuzberg è l’immigrazione ai tempi del turismo, di internet con il wifi e dei locali con la bandiera turca esposta fuori in pieno clima prepartita. Se tutto funziona a meraviglia è anche merito loro che guidano gli autobus e i taxi, non permettono a starbucks di aprire nelle loro vie ma ti offrono tutto e meglio di quanto l’americano potrebbe fare, colorano i propri palazzi, aprono boutique di abiti homemade, girano con auto degli anni ’90 e hanno Hardwax al terzo piano (Basic Channel al quarto) di Paul-Lincke-Ufer 44.

Ero più agitato prima di entrare da Hardwax che prima dell’esame di maturità. Dentro è il mio personalissimo paradiso, divisione in US labels ed euro labels, tutta la M series di Maurizio, la roba Basic Channel, Chain Reaction, Underground Resistance, Strictly Rhythm, Dance Mania, uZiq, Tempa, Hyperdub, tutto cazzo. C’era tutto.
Una figata immensa e poche storie (specie quando i dischi te li consegna lui a destra, aka lui, già conosciuto qui).

In agghiunta, a Berlino ho ascoltato soprattutto questa roba qui:

1. James Ruskin – Scene
2. The Fix – Duck Butter
3. Conforce – Junction
4. Smith & Selway – Total Departure
5. Andrea Roma – Prosciutto
6. Anja Schneider – Mole
7. Redshape – Plonk (dub)
8. Atjazz – Love Someone (Atjazz Deeper Mix)
9. Pilooski – Love Is Wet

SushiNoGoten – Apricot

Annunci

8 Risposte to “M29: Berlin to Berlin”

  1. mad_marco lunedì 30 giugno a 8:48 am #

    Sono stato a Berlino per il ponte del 1° maggio. Città fantastica dove vivrei volentieri… quoto tutto quello che hai detto e in più ti dico che il Currywurst è meraviglioso :D

  2. ceci lunedì 30 giugno a 10:23 am #

    Kreuzberg è veramente bello, si respira un’aria inaspettatamente tranquilla, tutti sorridono, tutti sono indaffarati e hanno messo su un quartiere davvero bello!

  3. sarah lunedì 30 giugno a 3:04 pm #

    Te lo avevo detto che era stupefacente come si incontravano il vecchio e il nuovo in quella città…cioè cozzano in armonia! comunque una cosa diversa da te l’ho trovata in berlino: la memoria, io credo che sia l’unica città d’europa dove ti ritrovi il passato sotto gli occhi in ogni momento: esposto, rielaborato, modernizzato, in modo da tenerlo sempre ben vivo, che la ferita rimanga sempre un po’ aperta. E io credo che il berlinese sia l’unico europeo che nasce con un piccolo fardello storico da portare in giro, il sentore di avere sempre qualcosa da espiare, proprio perchè la città non ti permette di dimenticare neanche un attimo.

  4. albi aka albi lunedì 30 giugno a 4:27 pm #

    io a berlino ci sono stato nel 92, avevo 8 anni. non ricordo nulla. ora ho bisogno di:
    – un camper a gpl
    – qualche amico con cui partire
    – arrivare a capo nord passando x berlino e altri posti

    in alternativa di un modesto vitalizio.

  5. Lenz martedì 1 luglio a 7:51 am #

    Albi ti propongo come nuovo commissario dell’UE.

    Bentornato all’Inferno Bebo

  6. maxcar martedì 1 luglio a 1:53 pm #

    berlino e la germania sono grandi mancanze che spero di colmare presto

    il mixone è un piacere di profondità: asseconda il fresco dell’aria condizionata ma ne avrei paurà coi quaranta gradi fuori

  7. lflf mercoledì 2 luglio a 11:43 am #

    Fico!

    Ci vado a fine agosto, non vedo l’ora.

  8. uglypostcards mercoledì 9 luglio a 1:38 am #

    ci sono stato questo week-end, per la quinta volta…e già mi manca da morire!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: