Manco i cinesi!

22 Lug

I started in August 2006, when I got back from a trip to Viet Nam, the land of my grandparents. As a vinyl junky, I really couldn’t come back to France without bringing back some wax. After hours spent riding on a motorbike in Saigon streets, a taxi finally helped me find some old Asian records. I was feeling like an explorer discovering a forgotten treasure. I bought almost 30 vinyls, most of them in poor condition, went back to the crib, and started making beats with some material that I wasn’t used to.

Cover e self-portrait per Onra

Cover e self-portrait per Onra

Onra ha intitolato il risultato di questo digging tra i vinili vietnamiti Chinoiseries, un po’ allargando a piacimento la geografia, un po’ per marketing forse -vietnamiterie non suona esattamente bello- e quello che è saltato fuori è l’impensabile buon risultato di uno che, prima di provare con l’inutilmente etnico, non aveva mai impresisonato nessuno. Chiariamoci fin da ora: 50 minuti di roba vietnamita samplata e ricostruita sotto forma di hiphop strumentale sono un po’ una rottura di palle, ma a piccole dosi o selezionando a proprio piacimento i momenti preferiti se ne estrae un lavoro avvincente e ben curato.
Da una parte vallo a pensare che un francese avrebbe copiato qualcosa ad un vietnamita (o ad un cinese, o ad un taiwanese o a ci siamo capiti) ma dall’altra parte lo stesso francese va a compiere un’opera di ricostruzione del sottostrato culturale di un paese, seppur non ai livelli di un Donuts con la musica nera d’america, che formalizza una formula apparentemente banale ma che persino uno come Madlib non ha saputo padroneggiare in maniera credibile (Beat Konducta in India mi pare sempre un disco bruttino). Insomma, paese che vai difficoltà di sampling che ti ritrovi.
E a parte le sparate la cosa fa riflettere, perchè rileggere una cultura non propria (Onra è comunque di origini vietnamite, perciò..) è uno scoglio musicalmente davvero difficile da sorpassare e non è un caso che i momenti migliori in tal senso siano stati quelli esposti da chi ha guardato alle proprie spalle e non dietro quelle altrui. Pare che Mike Patton abbia anche spaccato con i classici della canzone italiana (nel post c’è anche Tom Waits, che mi trita le palle: l’ho detto), però a me non ha detto nulla di significativo (beh, non sono andato a vederlo live proprio perchè non mi sembrava in teressante), e si ha vissuto qui 10 anni, gli piace anche la musica che ripropone, però non lo so. Oh vaffanculo, chissenefrega.

Onra – Here Comes The Flute

Annunci

2 Risposte to “Manco i cinesi!”

  1. albi aka albi venerdì 25 luglio a 4:04 am #

    mondo cane ha spaccato. non ce n’è.

  2. bebo venerdì 25 luglio a 6:42 pm #

    Si ma tu sei FAN e sei anche POP. Anzi P.O.P.

    La festa come andò? Siete riuscita a trasbordare l’unità elettrificata grande come un essere umano?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: