Archivio | ottobre, 2008

Più della faccia di Burial

28 Ott
Maurizio

Maurizio

Moritz Von Oswald, una valida alternativa a Dio, parla, racconta, si mostra. È un uomo di mezza età, biondiccio e che parla a voce bassa, difficile pensare che Phylyps Trak possa essere uscita anche dalle sue mani, difficile immaginarlo mentre lavora su un ragga a nome Rhythm And Sound.
Invece è lì e ci dice cosa succedeva e cosa succede dentro la sua testa. Intervistato da T++ per la Red Bull Music Academy.

Annunci

Noi siamo i giovani con i blue jeans

25 Ott

Una settimana di silenzio per lasciare spazio a 5 cose meravigliose:

Dimitri From Paris/Jazzie B/Quentin Harris – Southport Weekender 3 [3xCD, SuSU, 2005];
Le maniglie del Titanic erano meno lucide della roba super disco-house che i tre pazzi hanno compilato per il terzo volume della Southport Weekender (segnalo tralaltro la 5 che vede ai comandi Kenny Dope e Terry Hunter). Si viaggia da puntate da aperitivo ad house esotica passando per NY e Nicky Siano. Cose dell’altro geo.

Alton Miller – Full Circle [12″, Yore, 2008];
Grande uscita di Miller che ho malauguratamente snobbato alla pubblicazione (marzo ’08). Deep house balearic, niente di più e niente di meno, una classe maturata in 15 anni di attività e carriera da schiaccia sassi. Miller si districa tra gli orfani del Quentin Harris di Haunted, mancando quel pizzico di spiritualità e aggiungendo mille rimandi al soul dei tempi d’oro.

Charles Webster – Defected Presents: Charles Webster [CDr, Defected, 2008];
Charles Webster è il dio in terra della deepness, dell’emozione dentro la house “dritta”, è un figo imbarazzante quando mette le mani su qualcosa. Qui ci sono 9 remix scesi dal cielo per illuminare la retta via.

Markus Enochson And The Subliminal Kid – These Won’t Put Me Down [12″, Miso, 2008];
Chiave di volta dell’anno elettronico. Enochson e Kid in stato di grazia la mettono giù morbidamorbida, un materasso di amore techno aprendo spazi profondi come il cielo e ti regalano il biglietto per volare via definitivamente. Poi arriva CW, che come sopra, non se lo fa ripetere due volte e taglia un edit da panico.

Morphosis – Dark Myths Of Phoenicia 2 of 2 [12″, Morphine, 2008];
Rabih Beaini libanese dall’Italia. In culo ai leghismi questa è roba così tanto da esportazione che il Chianti Frescobaldi diventa un bianco secco. House del futuro, dopo la superprova come Upperground Orchestra Ra.H esce dal cilindro assieme al coniglio con pad Global Communications in versione Secret Ingredients e tensione a 3000volt, non arresta mai la ritmica è un mulo che punta all’inferno del dancefloor. Mot non si balla, non ha tiro, non è da pasticconi eppure lo suoneresti anche alla festa di compleanno di tuo nipote ottenne. Giri il disco e c’è Yaam, un trip ambient house aggredito da un’osessione ritmica agghiacciante. Lo stiamo perdendo.

Totally no rhythm

18 Ott
The Bug - London Zoo

The Bug - London Zoo

The Bug e Warrior Queen chiaccherano e ci raccontano di London Zoo, dei live e di quel che succede lassù. Su XLR8R tv.

Ego trip: La recensione di Margins Music, di cui avevo parlato pochi giorni fa, ora ha una forma e risiede qui.

NY Touring Club

16 Ott

A noi Dj Scandella, a loro Nicky Siano che da l’addio al deck:

over the past few months, there has been one significant and stable destination for clubbers looking to wind down the weekend properly: Nicky Siano at Santos Party House. Siano has said that this will be his final hurrah, and on this evening it seemed very much like a victory tour. It was hard to tell if there was a track played that had been made after 1985 throughout the night. (Talking Heads was the closest we got.) To the guy wearing the fisherman’s vest, the lady with the white gloves, the girl with the “music defines me” t-shirt or the guy literally pawing one of the pillars, I’m pretty sure this was exactly what they wanted to hear anyway. [RA: Clubbing In New York]

Usando le parole di un altro: c’è troppa poca gente funk in questa città.

A chi piace la figa put a ring on it

15 Ott

Fino ad 1:35 tutto ok, poi copia una coreografia di Vanilla Ice. Ma la vera svolta èl’assenza di strilli ed acuti, un vero colpo di teatro!

Ho avuto un’idea che guarda proprio non ci credo

15 Ott
Fox Grime, il nuovo canale Sky per gli amanti della legna

Il canale Sky per gli amanti della legna

Elaborazione grafica a cura del mai troppo fenomeno Piri.

Crime and dissonance

12 Ott

I B12 rappresentano, così come rappresentarono già ai tempi, l’ansia metropolitana e al contempo la razionalità chirurgica che molto spesso ci vuole per dominare certi suoni. Last Days Of Silence è un disco estremamente bello, raffinato, realizzato con una grande cura ma ancora fortemente genuino. Se, grazie a dio, nessuno parla più di IDM qui possiamo parlare semplicemente di incursioni break, tagli acidi ma soprattutto techno. Di quella con la grana grossa, corposa e che respira e che si muove nel tempo.
Il disco, nonostante la lunghezza (1h43m tra tutti e due i cd) non affatica ma coinvolge con gli strumenti giusti, con sapienza riproduce le ambientazioni scientifiche che dominavano le produzioni warpiane ma le propone affiancate ai nuovi incubi che ci circondano. Le ultime tracce sono take live di roba immensa, un tiro hardcore che aggiusta e riduce a microcaccole chiunque pretenda di continuare a chiamare techno la propria musica.