Archivio | Autodafé RSS feed for this section

Delle chitarre indiepop, di quando ero deciso e di un altro paio di minchiate che ho in testa da giorni

19 Lug

Compilare compile è come mettermi a cucinare, stesso processo di rilassamento e distacco dal mondo attorno. Potrei starci dentro ore e ore e ore senza emettere suoni, concentrato sulla cosa. Ma non è del fare le compile il punto, il punto è che dopo anni e anni e anni di roba che per sei, sette o anche otto minuti variava con costanza e a volte con casualità su sé stessa, raramente proponendo una forma canzone andando a finire sempre e comunque nell’ovatta tenera come mia madre della legna, beh insomma dopo anni così è da qualche mese che sono in dissidio. Ho un conto aperto che non chiudo, che non mi preoccupo di chiudere e che non mi porta particolare disagio. C’è attorno a me chi sa fare molto meglio di quanto facevo io il sentire la legna, avercela in testa e buttarla sul piano inclinato dell’hyperism. Così un bel giorno di troppo caldo mentre spulciavo vecchissime compile di chissà quanti anni fa ho ripreso questa che è elegantemente intitolata “fuffa o no?” e di fatto quello è: fuffa ma anche no. Chitarre indie, ritornelli, malinconie assortite, coriandoli, bottiglie di birra e Death Cab For Cutie. Cose così. Bello, bellissimo canticchiare “and you’re walking away, but where to go to? And you’re walking alone, but how to get through? If you wanna get it right you can own what you choose, but you wanna live a lie, and love what you lose” con il finestrino giù e il braccio fuori, goduto delle mie stonature e felice del mio ego fomentato da chi si volta a guardare e magari spero anche che riconosca il brano, o che gli rimanga per caso in testa a lui che comunque nella vita Ligabue, Subsonica, Afterhours e di recente i Temper Trap da RadioDJ. Insomma, è un periodo strano della mia vita, sono otto mesi che non ho un giorno di ferie, venerdì avrò mezza giornata libera perchè giovedì mi sparo gli Editors (e vabbè) e i Groove Armada a Livorno, ma il 24 perdo gli Underworld perchè suono con Lo Stato Sociale a Senigallia e recupero andando l’11 di settembre alla O2 arena di Berlino con i suddetti più Van Dyke e Van Buuren: fiera della legna. E il 10 i Moderat all’estragon.

L’estate è iniziata, io me ne sto accorgendo pianopiano.
Mi sono tagliato i capelli.
Sto diventando grande tornando piccolo.

Annunci

Identità sublimata

27 Giu

Vuoto, come perdere un nemico

11 Feb

Ci sono realtà sotterranee che lavorano continuamente, senza sosta, rosicchiano un po’ qui un po’ lì, distraggono dal focus e fanno cose eccezionali mantenendo sempre un profilo in esposizione parecchio basso. Ma di qualità, sempre. È il breve riassunto dell’operato di un’etichetta che in tanti anni di glorioso lavoro ha deciso, segno dei tempi e di forze troppo grandi, di chiudere i battenti per quanto riguarda la pubblicazione. Rimane la distribuzione, un’attività filantropica di ricerca e diffusione. Clone è arrivata nel ’92 pubblicando il progetto Orx, nientaltro che il monicker di Serge Verschuur, proprietario della neonata label. Nel corso degli anni, lavorando sempre sottoterra, è arrivato a fare grandi cose la Clone, pubblicando nel 2002 l’epitaffio dei Drexciya, quel Grava 4 che non poteva essere meglio di quanto non lo è stato. Poi il Rat Lab XL progetto di Stinson, gli ADULT, i Putsch ’79, la Djack Up Bitch e le sue pubblicazioni intelligenti con Kettel e Octogen e la suprema Clone Classic Cuts, che continuerà ad esistere, almeno lei.
Nell’era degli mp3, dei dj chiavetta e di quelli che comunque resistono comprando della gomma, la Clone alza bandiera bianca e dice che nonostante tutto ne è valsa la pena, anticipando quel suono di reissue disco dei vari Hercules, Polar e Todd Terje.

Non ho mai suonato nulla, credo, pubblicato dalla Clone, è roba che non apprezzavo molto per la mia attività di dj. Ma mi dispiace, perchè non si può essere buoni senza un nemico.

Allora balliamo d’architettura?

3 Ott

…I personally think the importance of reviews in dance music has waned since the beatport/juno age came onstream. Apart from being useful in alerting me to the existence of a track, I’ll always sample a track myself and trust my own ears rather than rely on anything a journalist says, who after all, is just some other dude who likes house/techno. I guess the opinion of a journalist you respected was more important in days gone by. Which isn’t to diss dance music journalism, I just prefer reading well conducted interviews or articles that talk about the scene in a general way, rather than reviews of individual tracks. (estratto dai commenti, qui)

La cosa ha senso. Parecchio. La vedo anche io pressappoco come l’uomo qui sopra, con l’avvento di mezzi giganteschi come beatport o juno il tenersi informati sulle ultime uscite attraverso un blog piuttosto che una webzine penso sia diventato, non inutile, ma di contorno rispetto ad una posizione assai più dominante degli anni passati. La frammentarietà di certe scene musicali (quella elettronica in questo caso, ma penso anche al volume di uscite hiphop) fino a qualche tempo fa poteva essere districata grazie alla guida di gente come Zingales, Luca Galli o Martin Clark su Pitchfork. Ora accendi il pc, avvii mozzilla e ti ascolti bene o male tutto quello che ti propone un catalogo che è banalmente lo scibile musicale. E lo ascolti in preview, gratis. E se vuoi puoi anche scaricartelo, gratis. Non è neanche più lo stesso campo da gioco di prima.
L’enorme utilità di webzine\blog\whatever è quella del saper fornire approfondimento, su una scena piuttosto che su un artista intervistandolo, oppure parlando di cose marginali alla musica ma con cui hanno a che fare, dai RayBan Wayfarer, al tal locale quanto bello o brutto è fino alla recensione di apparecchiature audio (d’ascolto o da produzione). Mi spiego la nascita ed il successo degli m-blog, ma mi spiego ancora di più perchè ritengo che il network che ognuno di noi crea conoscendo e seguendo blog musicali abbia superato in utilità ciò che dentro a Blow Up, Rumore e compagnia prende via metà buona del giornale, ovvero il raccontino del disco. A volte un bel raccontino, altre volte più mediocre del disco di cui racconta, ma tutto sommato nulla che già non sapessimo (quasi, dai)

È tutto una merda

25 Ago

Siamo degli stronzi, ipocriti, ci piace fottere e drogarci, ascoltiamo musica ripetitiva a tutto volume in giocattoli portatili. Siamo troppo figli del nostro tempo e il nostro tempo è malvagio e cattivo costruito da immagini che obnubilano le nostre menti. Non ci interessiamo di cultura e politica, il massimo spazio che raggiungiamo è il MySpace.

Si ma chi ci ha educati a tutto ciò?

Non ci si pone nemmeno la domanda ma il catastrofismo senile che puntualmente affligge la stampa italiana è degno di un manuale. Questa volta* non sono arrivato alla fine in una lettura sola, provateci voi, ma prima un assaggino:

Ma la tarda modernità è, in tutti i campi, così disgregata e informe da scoraggiare gli atteggiamenti di negazione, di rivolta o di sfida. Ove tutto si equivale, come è possibile mutare l’esistente? I nonni di oggi, la generazione che «ha fatto il ’68», voleva cambiare il mondo, i loro nipoti si accontentano di cambiare il vecchio cellulare con l’ultimo iPod. (il prima e il dopo, qui)

* L’autrice è cattedratica di Psicologia Dinamica all’Università di Pavia. Ci avevo giurato dal primo paragrafo, il linguaggio usato, la struttura delle frasi, tutto uguale a come è scritto nei miei manuali. Ci sono ancora affezionato a certi modi di fare, ma lasciare la strada battuta da certi dinosauri (nonostante la professoressa Finzi non sembri particolarmente aged) che si ostinano a voler tratteggiare un’umanità giovanile distrutta è un alleggerimento dell’anima. Ehi siamo d’accordo, i miei coetanei fanno parecchio cagare, ma ho idea che percentualmente ogni fascia di età abbia la sua buona dose -pressoché costante- di merda al suo interno, con la differenza che molti autorevoli e non spendono parole per chi va da dai 15 ai 30 anni mentre per gli over30 lasciamo Muccino a dare lezioni. Ad ognuno il suo, tiè.

L’antico rito

1 Ago

Fa sempre un po’ di tristezza che i governi abbiano paura di mandare il proprio emissario alla commemorazione della strage del due agosto a Bologna. Ormai ci si abitua (quasi) a tutto.

Ci hanno preso tutto

21 Mag

Jessica Alba s’è sposata; ora tutti quanti ci si attacca al cazzo e si tira forte.