Tag Archives: recensioni moderate

Il cattivo pt.2

16 Lug

Calvin Harris – I’m Not Alone [cd, Columbia, 2009];
Calvin Harris vaffanculo, potrei fermarmi qui facendovi un favore e facendogli una carezza mentre gli taglio le palle. Tuttavia va detto, per dovere di cronaca, che Calvin Harris è un autore mediocre, mediocre anche come produttore ed è soprattutto un ruffianone di prima categoria. Roba che Apicella spostati per cortesia.
Calvin è l’uomo giusto nel party giusto, indossa le cose appropriate al contesto e rivende gli anni ’90 visti dagli occhi di quelli che il Deejay Time era troppo leggero e allora giù con la presunta fattanza mentre programmi un synth trance muffoso che a confronto Tiesto sono dieci anni che fa canzoni nuove. I’m Not Alone è un concentrato di sottocultura guardata attraverso occhiali da sole sporchi e capelli unti, una sigaretta accesa e l’aria scazzata -non si sa bene da cosa- mentre una hipster con 45cm di giro vita ti lega le palle alle porta vomitandoti addosso (quanto è concettuale il suo nuovo fumetto pulp).
Calvin Harris che ti apre la canzoncina con la chitarrina e la voce ferma ma incapace di andare oltre lo zero db del compressore, Calvin Harris che in un mondo perfetto continuerebbe a fare quello che faceva prima, che non si sa bene cosa fosse ma sicuro non rompeva i coglioni.

Annunci

Il cattivo pt.1

10 Lug

La Roux – La Roux [mp3, Polydor, 2009];
Lei è brutta, si veste di merda e canta come se la stessero sodomizzato -da protagonista- nel serial cult “public disgrace”. La musica prodotta da questo conato di vomito antropomorfo è la perfetta congiunzione tra il pettinatissimo pubblico dei Justice e una Giusy Ferreri qualsiasi, cose che preferirei ascoltare la discografia degli Anal Cunt prima di addormentarmi. Offensivo, quasi quanto Moggi al Bologna, è la dance zarra del 2000 post-televisivo: roba che in Vietnam 40 anni fa era eccessiva. L’estetica del synth acido ha definitivamente annoiato, se mai si fosse rivelata interessante in passato, così come l’immagine di sé buttata lì alla buona per fare impressione nel pubblico arty ma anche in quellopiù di pancia con i wayfarer 720 giorni in ritardo. In definitiva La Roux l’è bròt.